In questo video New York diventa una città deserta

Siamo abituati a vedere la famosa metropoli americana come scenografia rovinata dei grandi film post-apocalittici ma ad abitarla c’è sempre qualcuno – persino nel caso del Pianeta delle Scimmie.  I sopravvissuti futuribili, tenaci ed impavidi, occupano le rovine dei loro antenati coltivando l’insalata dove un tempo sorgevano grattacieli e centri commerciali. Città che invece continuano ad esistere senza i loro costruttori, perfettamente integre ed immutate, non le avevamo mai viste.

Leggi ancora

Levi Van Veluw, l’artista olandese che trasforma la figura umana

L’installazione di Levi Van Veluw LOrigine dell’Inizio rappresenta una scena della sua infanzia. Cinque persone sedute ad un tavolo, completamente ricoperte di tasselli di legno scuro, interpretano lui, suo padre, sua madre, suo fratello e sua sorella. Lo scenario astratto e slegato dalla realtà suggerisce alienazione, mentre le tonalità scure e l’infinita ripetizione del motivo di fondo vogliono simboleggiare la sua incapacità di trovare un posto nella struttura familiare. Questo mosaico ligneo “vivente” si compone, tra scenario e figure umane, di oltre 30.000 fra blocchi, snodi e superfici di appoggio.

Leggi ancora

Il Giappone del 1886 visto da un fotografo italiano

Adolfo Farsari, nato a Vicenza nel 1841, è famoso in modo particolare per il lavoro che svolse alla fine del XIX secolo come imprenditore e fotografo professionista a Yokohama. Di formazione militare, credeva fortemente nell’abolizione dello schiavismo ed aveva quindi combattuto nella cavalleria dell’Unione durante la guerra civile degli Stati Uniti. Decise di sposarsi in America ed ebbe due figli ma nel 1873, dopo il fallimento del matrimonio, emigrò in Giappone per fondare la  Sargent, Farsari & Co, società produttrice di mappe, guide, dizionari ed altre forniture per viaggiatori. Nel 1885, insieme a Tamamura Kōzaburō rilevò uno studio fotografico per iniziare a coltivare la sua vera passione.

I loro album fotografici colorati a mano, considerati all’epoca una rarità grafica e visuale, venivano venduti sia ai residenti che ai visitatori provenienti dall’Europa. Questo lavoro viene oggi annoverato tra le espressioni più importanti della Yokohama shashin (fotografia di Yokohama) una vera e propria corrente culturale di quell’epoca, caratterizzata dall’unione della tecnologia occidentale con lo stile e la composizione prospettica delle stampe tradizionali ukiyo-e

Leggi ancora

Strutture inconsuete tra i monti della Yugoslavia

LINK AL SITO DELL’ARTISTA

Astronavi abbandonate, mausolei eccentrici, antenne geometriche fatte di pietra. Negli anni ’60 e ’70, per rappresentare la nuova Yugoslavia, non più legata a Stalin ed alla Repubblica Socialista ma ormai facente parte del Movimento dei paesi non allineati, l’allora presidente Josip Broz Tito fece realizzare dai più importanti scultori ed architetti del paese una ricca serie di memoriali, collocati presso i luoghi delle battaglie e dei campi di concentramento della seconda guerra mondiale. L’impatto visivo e la forza espressiva futuribile di queste creazioni, tuttavia, le rese negli anni meta elettiva e simbolo patriottico proprio dei giovani sovietici ed in particolare del movimento dei pionieri, con milioni di visite l’anno da tutti i paesi del blocco orientale ed una larga fama per i siti più importanti.

Leggi ancora

1 5 6 7