PS3 import review: Demon’s Souls

demons_soul_profilelarge

A volte le conseguenze delle proprie azioni possono essere inaspettate. Re Allant XII, sovrano di Boletaria, aveva portato alla sua terra grandi benefici e prosperità grazie ad una potente e dimenticata magia. Tuttavia, l’utilizzo sconsiderato e continuativo di tale arte innaturale aveva finito per circondare il paese di una nebbia misteriosa, da cui ormai nessuno faceva più ritorno.
Il potente cavaliere Vallarfax seppe rivelarne l’origine, tornando da una spedizione a rischio della sua stessa vita: gli antichi demoni si erano liberati da un antico sigillo, ed avevano fame. I più valorosi eroi del regno si avventurarono in gran numero in questo oscuro mondo di nebbia ai confini della ragione, ma nel tentativo di rimuovere il maleficio finirono in effetti per rafforzarlo. La loro stessa anima veniva infatti assorbita a vantaggio dei demoni, mentre il corpo mortale era costretto a vagare nelle nebbie senza più alcun criterio, o come schiavo degli stessi poteri oscuri che erano venuti a combattere.
All’inizio di Demon’s Souls, il giocatore è chiamato a questa stessa difficile Cerca. Il suo personaggio, scelto tra un buon numero di tipologie e definito a piacimento nell’estetica e nell’aspetto, inizia il suo presunto viaggio verso la gloria secondo i classici dettami della heroic fantasy, per di più con equipaggiamento ed armatura di tutto rispetto. Attraverso le prime sequenze del gioco, che ne costituiscono anche il tutorial, ci si trova ad affrontare alcuni soldati e guerrieri in armatura senza eccessive difficoltà – appare evidente che si sta interpretando il ruolo di un eroe piuttosto forte. Poi, si giunge al confine delle nebbie. Anche nell’improbabile eventualità di essere in grado di sconfiggere un troll cornuto alto 4 metri, il risultato non cambia. Premuto il tasto ed oltrepassata la soglia, il giocatore incontra il suo primo demone e muore.

Leggi ancora

PS3, Xbox 360 game review: Bayonetta

bayonetta545

L’iter evolutivo degli action game trova connotazione nella duplice deriva contrapposta delle sue potenzialità espressive. Ad un’estremo dello spettro si trova il tentativo di coinvolgimento diretto del giocatore, attraverso la piena ed immediata riconoscibilità delle situazioni proposte.
In questi casi è opportuno che il protagonista del racconto sia incolore e facilmente riconducibile all’uomo comune. Dovrà indossare una divisa, uniforme o armatura, non verrà inquadrato a meno che abbia un casco sulla testa, è di poche parole e si relaziona di preferenza attraverso l’uso indiscriminato di armi. Non porta gli occhiali da vista, non ha la barba o altri segni di riconoscimento. Non dispone di risorse in aggiunta al suo addestramento militare o alla preparazione fisica individuale, e viene attentamente motivato a combattere nemici della collettività come il terrorismo, i soldati tedeschi, gli alieni, i demoni fiammeggianti non-morti, i robot pieni di astio verso i loro creatori o le bestie selvagge preistoriche.
Bayonetta invece è una strega immateriale che uccide schiere di angeli dorati e consegna le loro aureole al signore dell’inferno. I suoi tacchi sono pistole, salta con ali di farfalla,  cammina sui muri e ferma il tempo. Evoca strumenti di tortura, brandisce serpenti vivi, si trasforma in pantera, pipistrello o corvo ed avvia le motociclette infilandoci due dita della mano e girandole di 90 gradi. Il suo sangue è fatto di petali di rose, e quando viene ferita si riprende succhiando caramelle a bastoncino. I suoi capelli formano in un qualche modo imperscrutabile il tessuto dell’abito aderente che indossa, ma spesso prendono vita come draghi o mostri colossali. Non fanno le due cose allo stesso tempo.

Leggi ancora

I migliori videogiochi dell’anno in un grande show americano

gam_spikeawardsshow_580

Si è recentemente conclusa la settima edizione dei Video Game Awards di Spike TV, l’equivalente degli MTV Music Awards per il mondo dei videogames.Il programma viene prodotto annualmente da una diversa sussidiaria della Viacom per l’uso esclusivo della TV via cavo americana. L’evento ha avuto luogo lo scorso 12 dicembre, presso il Live Complex di Los Angeles ed in presenza di numerose personalità musicali e dello showbiz. Per la prima volta nessuno di loro ha avuto il ruolo di ospite principale, onore generalmente riservato a Samuel L. Jackson. L’attore si è infatti limitato a figurare come presentatore per il nuovo episodio di Star Wars – The Force Unleashed, una delle più interessanti tra le numerose anteprime esclusive che hanno coronato la serata, in cui assisteremo alla continuazione della storia dell’apprendista segreto di Darth Vader. E così lo show si è aperto con la lotta spettacolare tra l’acrobatico Starkiller ed una sorta di rancor gigante cornuto ed assetato di sangue. Forse, non poteva esserci modo migliore.

Leggi ancora

Console game review: Assassin’s Creed 2

assassins-creed-2-concept-art-a

Tra i diversi archetipi di grandi guerrieri del passato, il più sfruttato nel mondo dell’intrattenimento è forse quello del ninja. Assassino notturno, addestrato nell’arte della furtività e dell’inganno, utilizzatore di innumerevoli strumenti dalla foggia caratteristica ed acrobata dotato di capacità eccezionali. L’antico agente nascosto dell’arte della guerra cinese e giapponese si è arricchito nei secoli di una grande quantità di abilità mistiche e mitologiche, tra cui l’invisibilità, la facoltà di camminare sull’acqua, l’ubiquità nel combattimento… Nei diversi campi dei manga, degli anime e dei videogames, ciascuno per sua natura costantemente alla ricerca di protagonisti eroici ed avversari particolarmente temibili, l’immagine popolare del ninja ha gradualmente assunto le caratteristiche di un vero e proprio supereroe. Gettata la maschera nera che storicamente copriva il suo volto in missione, abbandonata ogni pretesa di discrezione, il ninja moderno è ormai una sorta di stregone guerriero con armi sovradimensionate, che nel mezzo della battaglia evoca l’aiuto degli elementi gridando a gran voce il nome di ciascuna delle tecniche a cui fa ricorso. É così che nel 2007, proprio mentre il nuovo e popolare cartone animato giapponese Naruto ed i suoi giovani ninja invadevano il mondo a cavallo di rospi e lumache giganti, lo studio canadese del colosso del gaming Ubisoft trovava una strada nuova per rappresentare la leggenda dell’assassino furtivo in Oriente, attraverso un cambio radicale di contesto che potrebbe anche definirsi un ritorno alle origini. Questa è la storia del capostipite Altair, del trionfatore Ezio e dell’erede Desmond: due uccisori per professione, tre assassini per nascita.

Leggi ancora