Non più semplici pneumatici: il futuro è l’elettromagnetismo

hankook tires

La compagnia Sud Coreana Hankook (한국), operativa sin dagli anni ’40, sa come progettare uno pneumatico tradizionale: radiali o bias ply, per auto di serie o dotate di prestazioni particolari, le loro gomme sono oggi montate su centinaia di migliaia di veicoli in tutto il mondo. Ma eccoli alle prese con qualcosa di radicalmente diverso: un video virale in CG creato su misura per il circuito di YouTube, che si propone di mostrare, attraverso alcuni utopistici e strabilianti concept, la possibile interfaccia futura tra asfalto, guidatore e volante. Le nostre quattro banali ruote potrebbero allora diventare trasformabili, magnetiche, adattarsi alle asperità del terreno o persino alle curve più impegnative mediante l’impiego di settori multipli sfasati. Tutto questo sempre che qualcuno non crei prima l’auto volante di Marty Mc Fly, si intende.

Leggi ancora

En garde! Ho caricato pennuti meccanici a munizioni infinite

Perchè sparare ai volatili quando si possono sparare volatili? Opera di un leggendario orologiaio e artista di origini francesi, Frères Rochat, e prodotte in serie molto limitata per la raffinata Ginevra del 1820, queste ornate pistole hanno una sorprendente particolarità. Si gira la chiave per dare la carica, si preme il grilletto e grazie a diverse centinaia di complessi ingranaggi un piccolo uccello, del tutto simile a quello degli orologi a cucù, spunta dalla canna eseguendo un’elaborata e graziosa melodia. A un moderno lettore di romanzi verrebbe forse da chiedersi quale fantastico duello tra gentiluomini o caccia immaginifica abbia mai potuto trarre vantaggio da un simile mansueto strumento, ma basta uno sguardo per capire che siamo di fronte a un prezioso e autentico capolavoro dell’ingegneria umana. Giocattoli di lusso o pure merveille de mécanique, queste pistole realizzate a mano in oro e madreperla, ricoperte di perle e diamanti, sono decorate con una coppia di bassorilievi, un leone ed un cervo, forse simboli araldici dei loro ricchi e nobili committenti.

Leggi ancora

1 113 114 115