Phonebloks, cellulare che si smonta come un LEGO

Phonebloks

Ieri sera, mentre gli occhi di mezzo mondo scrutavano i dorati palchi di Apple Computer (meleto dei re) e noi meditavamo su impronte digitali e coprocessori di localizzazione, presso il campus digitale di Internet trapelava l’esistenza del più bislacco pretendente a quell’ambìto trono, che si nasconde nella tasca dell’uomo medio: Phonebloks, primo telefonino smontabile, prodotto della mente immaginifica di Dave Hakkens, designer e marketeer di Valkenswaard, in quel d’Olanda. Difficile è la vita, per chi lavora nel mondo della tecnologia. Serve sempre trovare nuove strade. Chi capisce ed interpreta i diversi trend culturali di un contesto X, il più delle volte, ottiene la chiave del successo. L’operato di abili ingegneri, per quanto imprescindibile, verrà soltanto dopo, se veramente necessario. Proprio per questo, il ragionamento alla base della proposta di Phonebloks è schietto, sebbene un po’ contorto. Viviamo nell’epoca di una ritrovata coscienza ecologica, tanto diffusa da portare al rigetto di tutto ciò che contamina la natura. Le star di Hollywood, abbandonata la via salvifica di stravaganti religioni, acquistano e pubblicizzano le loro auto elettriche meno inquinanti. I cacciatori di chi arpiona le balene, eroici bucanieri dei nostri tempi, diventano i protagonisti di romantici reality televisivi, esportati insieme alle culture animaliste d’Occidente. Così nasce l’idea di Dave: basta gettare ciò che è diventato vecchio! Spesso acquistiamo l’ultimo terminale soltanto perché ha una fotocamera migliore, piuttosto che la batteria più capiente o il processore potenziato; per una singola funzione, improvvisamente rifiutiamo tutto il resto, che ci andava pure bene. E se…Il telefonino fosse modulare? Come un giocattolo per bambini, altrettanto curato nell’estetica, Phonebloks si compone di blocchetti intercambiabili, ciascuno dotato dei componenti necessari per fare qualche cosa. Quando obsoleti, potranno essere sostituiti uno per volta. Il valore aggiunto di una tale soluzione, che ovviamente presenta ostacoli progettuali non indifferenti, sarebbe la personalizzazione. Nel video, un uomo d’affari sceglie una batteria più potente. Un escursionista ci mette l’obiettivo gigante di una cinepresa stile anni ’30, presumibilmente più adatto al suo status invidiabile di hipster. L’anziana signora, con qualche problema d’udito, gli preferisce l’utile altoparlante da 130 decibel per centimetro quadrato. Davvero fantastico, questo Phonebloks. Non fatelo cadere in terra. A meno che abbiate il tempo per improvvisare un puzzle.

Leggi ancora

iPhone guerrieri contro i folli eroi dell’ukiyo-e

Edo Superstar

L’eterna discussione in merito al fatto che i videogiochi siano definibili “arte” è tanto sterile quanto priva di significato. Tutto può esserlo, oppure niente lo è. Il treno in corsa che fuoriusciva dal cinematografo dei primi del ‘900, spaventando il pubblico che temeva di restarne investito, era certamente un valido strumento per guadagnare qualche soldo, niente a che vedere con le creazioni senza tempo di Ejzenštejn, Kurosawa o Stanley Kubrick. Eppure qualcuno ci aveva pensato. Prendendo la sua cinepresa, mezzo tecnologico senza precedenti, l’aveva portata sui binari e si era applicato a fondo, realizzando un’idea. Ed altri, vedendone il risultato, restarono colpiti. Il gesto che produce un pensiero incorpora sempre un qualche tipo di merito ulteriore, sia questo minimo oppure più significativo, persino epocale. Le xilografie giapponesi del periodo Tokugawa (1603-1868) non erano in alcuna misura percepite come un qualcosa di prezioso, destinato ad influenzare la pittura di mezza Europa e in seguito la grafica contemporanea del mondo intero. Spesso, soprattutto agli inizi di questa particolare forma espressiva, venivano impiegate come prototipo del moderno volantino pubblicitario, realizzate in grande quantità per uno spettacolo teatrale, affisse sulle pareti degli edifici e poi gettate via, senza spenderci un pensiero. L’Olanda le ricevette, casualmente, come carta da pacchi per le ceramiche o spezie d’Oriente. A casa di Van Gogh, guarda caso, non mancava mai il wasabi. Queste stampe bistrattate, identificate collettivamente con il termine altamente poetico di ukiyo-e (immagini del mondo fluttuante), nonché la raffinata tecnica per produrle, stanno acquisendo di questi tempi un’alta visibilità online, grazie al lavoro di Jed Henry e Dave Bull, rispettivamente la mente e il braccio di Ukiyo-e Heroes, la più eclettica compagnia nata dal crowd funding del portale web Kickstarter. Sono comparsi all’incirca l’anno scorso, realizzando la reinterpretazione in chiave tradizionale di alcuni personaggi dei videogame Nintendo, successivamente trasportati su carta mediante l’antica metodologia giapponese. E adesso, stanchi di lavorare sulle idee altrui, si sono applicati in qualcosa di completamente nuovo, un interessante gioco di botte per cellulari iOS e Android. Il suo titolo è Edo Superstar e parla di scimmie, volpi e procioni picchiatori.

Leggi ancora

Il ritorno del telefono invulnerabile

Prestigio

Si apprezzano i cellulari per le funzionalità offerte, il grande schermo luminoso o l’autonomia della batteria, ma queste doti non bastano, da sole, al raggiungimento dell’immortalità. Anche i modelli oggetto di un vero e proprio sentimento di adorazione sono ben presto destinati all’obsolescenza, soppiantati invariabilmente dalle nuove generazioni, sempre più lucide e allettanti. Non c’è immobilità nel mondo delle comunicazioni, nessuna certezza di durare a lungo. Tranne in un singolo caso: quello del telefono che non poteva essere infranto. Passano i secoli e cambiano le dinastie al potere, mentre i regni degli uomini ritornano nella polvere da cui erano faticosamente emersi; sopravvive soltanto quell’unico, impareggiabile oggetto. Internet, che risuona perennemente del suo nome, ne ha fatto un meme culturalmente diffuso, basato unicamente sulla reputazione di quel sublime prodotto della Svezia, paese di vichinghi, blocchetti e mobili corazzati…Però addirittura un tale concentrato di berillio e selenio, forgiato nelle fiamme del Monte Fato, battuto sull’incudine di Vulcano con il martello di Thor e immerso nell’acqua del fiume Stige, ha raggiunto infine l’età del suo pensionamento. Quindi, chi sarà mai il Nokia 3310 del nuovo millennio? Per guadagnarsi l’ambito onorifico il successore dovrebbe saper fare al meglio tutte quelle cose che all’epoca erano state anticipate, in qualche forma, dal suo nobile predecessore. Inviare messaggi via E-Mail e Facebook, piuttosto che semplici SMS. Navigare su Internet, al posto del vetusto protocollo WAP. E far girare perfettamente le molte declinazioni di Angry Birds, come concessione all’intera generazione dei teenager cresciuti giocando al sinuoseggiante, blocchettoso Snake. Stiamo parlando, quindi, di uno smartphone. Non uno di quelli fatti in plastica e alluminio, più leggeri dell’aria e altrettanto consistenti. E neppure il favoleggiato iPhone, tanto resistente ai graffi quanto capricciosamente crepato in seguito a cadute o scivolate accidentali. Questo qui è il Pioneer P80w, un dispositivo dual-sim che può essere pugnalato, martellato e usato per aprire una noce (utile funzionalità accessoria) senza subirne in alcun modo le conseguenze. La sua leggenda è soltanto all’inizio.

Leggi ancora