Il tornio tonante, magnifico strumento fatto a mano

Wood Treadle

Può definirsi semplicemente ipnotico. Guardatelo, mentre si applica nel suo campo: QuesticoChris, maestro d’ascia digitale, realizza il suo complesso macchinario con un’abilità tale da farla sembrare un’operazione semplice, nonostante il numero elevato di passaggi. Prende le misure col piglio sicuro che viene dall’esperienza, usa strumenti per lo più manuali e risparmia all’estremo sui chiodi, perché ogni pezzo già s’incastra di suo, alla perfezione. Le varie componenti di questo grosso arnese costituirebbero, anche singolarmente, una selezione invidiabile per qualsiasi museo della meccanica: la trasmissione proviene da un’antica macchina per la soia. Il corpo centrale è di un tornio Dunlop del 1946, vero modernariato. E poi c’è la grande ruota metallica, il volano di una macchina agricola dei primi del ‘900. Proprio il ritrovamento fortuito di quest’ultima sarebbe, secondo l’autore, la causa scatenante del suo progetto. Che nasce dalla voglia usarla come parte fondamentale in una versione moderna, reinterpretata da lui, del macchinario comunemente definito Treadle Lathe. Ovvero il tornio per eccellenza, quello a pedali, che può ancora trovare impiego nelle lavorazioni simmetriche di forma circolare. Chris, in questo caso, interpreta il ruolo di un tecnico che riesegue un progetto classico, persino medioevale, ma sarebbe difficile negarli in via di principio lo status di artista creativo. Lui stesso afferma, in apertura, di “essere stato colpito dall’idea, come fosse un fulmine”. E se non è ispirazione questa…

Leggi ancora

Il casco creato da un solo cubo di alluminio

Disn Helmet

C’è una tendenza moderna nello stile di presentazione delle aziende che tende a sintetizzare i loro obiettivi e modus operandi, possibilmente in poche parole nette ed incisive. Nel mondo della pubblicità digitale, una dichiarazione convenzionale d’intenti è ormai troppo lunga e articolata: molto meglio un breve slogan, una frase netta e chiara come un logotipo. L’anima stessa e il valore di prestigio del brand, purché sia valido, penserà al resto. Das Auto. This is living. I’m loving it… La giapponese Daishin Seiki, dal canto suo, sceglie di presentarsi sul suo sito web con la dicitura “The Machine Cutting is Art”.  I loro macchinari CNC robotizzati, pensati per l’applicazione in campo metallurgico, appartengono infatti a quella classe di creazioni tecnologiche in grado di affascinare e coinvolgere praticamente chiunque, senza bisogno di lunghe descrizioni. Come sa bene chi lavora nel settore, con un braccio dal mandrino articolato su due assi ci lavori un piano cucina. Se questo può muoversi anche in verticale, ci vuole pazienza, ma puoi fare molte cose: in diversi passaggi ti ritroverai nell’officina materiali complessi o fregi decorativi in tre dimensioni. Ma se di assi la tua macchina ne ha 4 o 5, con inclinazione e rotazione dello strumento di lavoro, il limite operativo, oltre alla fantasia, sarà solo la tua abilità nel programmarla. Questo lucente casco d’alluminio, realizzato in occasione del 50° anniversario della compagnia giapponese, ne è la più lampante dimostrazione.

Leggi ancora

La nascita industriale di un condom

Trojan Condoms

Il profilattico, o condom, non è un bene che venga spesso contemplato. Nel momento del bisogno, coinvolti dalle circostanze, lo si scarta gettando l’involucro da parte, per meglio perseguire l’obiettivo contingente. Ma dietro la sua creazione c’è un mondo di apparecchiature all’avanguardia e test di sicurezza, non dissimili da quelli effettuati per un fuoco d’artificio o un missile spaziale. Le aziende che abbiano saputo costruire la propria fortuna attraverso tale ineffabile strumento, più di ogni altra, devono riuscire ad occupare uno spazio in bilico tra il solenne e il quotidiano, avvicinando l’etica produttiva dell’industria farmaceutica alla fantasia del senso comune, oltre le convenzioni e il vecchio pregiudizio. Non importa quanto costino l’impianto e le materie prime: se la mia compagnia produce un centinaio di pezzi al minuto, e io riesco a venderli, la crisi dal mio punto di vista sarà concettualmente inesistente. Qui si riconferma, a mio parere, l’importanza del marketing. Un processo che alla Trojan Condoms, almeno a giudicare da questo nuovo e interessante video promozionale, sanno mettere a frutto con passione.

Leggi ancora

1 12 13 14