Collezioni satellitari di parcheggi, piscine, centrali nucleari…

LINK AL SITO DELL’ARTISTA

Una chiave di lettura interessante per le centinaia di migliaia di foto che compongono il giga-mosaico fotografico chiamato Google Maps: le cose e gli edifici che costruiamo ci descrivono come umanità ed al tempo stesso non potrebbero esistere senza di noi, ma lo sfondo della natura le sovrasta e le racchiude. Usiamo dunque i satelliti per isolarle e studiamole dall’alto per ciò che veramente sono. L’artista lascia a noi il compito di trarre una conclusione, se pure lo vogliamo e ne sentiamo il bisogno. Di certo il risultato estetico di queste composizioni cumulative è singolare, riuscendo a catturare in pieno l’attenzione dell’osservatore.

Jenny Odell è nata a San Francisco ed ha studiato design a Berkeley. Le sue creazioni sono state recentemente esposte allo Yerba Buena Center for Arts, nel quartier generale di Google e durante il festival di fotografia francese Les Rencontres d’Arles, in Provenza.

Leggi ancora

Il video sulla sicurezza aerea con i personaggi del Signore degli Anelli

In occasione dell’imminente uscita del primo film della nuova trilogia, la Air New Zealand ha deciso di reclutare il cast della serie al completo per realizzare questo divertente video di istruzioni pre-volo. Mentre un buffo Gandalf fa da pilota, in cabina passeggeri una ricca selezione di hobbit, orchi, Nazgûl ed elfi si trovano alle prese con concetti per loro nuovi come cinture di sicurezza e maschere per l’ossigeno. Tra le comparse anche il regista, Sir Peter Jackson, invisibile grazie all’uso dell’Unico anello e persino Gollum, la creatura orribile e corrotta dal male che ormai sta simpatica praticamente a tutti, come fosse una sorta di perverso Mickey Mouse.  Basti vedere la statua colossale che gli è stata dedicata nell’areoporto di Wellington, in Nuova Zelanda.

I dipinti oscuri e misteriosi di Zdzisław Beksiński

LINK AL SITO DELL’ARTISTA

Difficile non rimanere colpiti da questa serie di scene e personaggi fantastici creati dal pittore, scultore e fotografo polacco Zdzisław Beksiński (24 Febbraio 1929 – 21 Febbraio 2005). I suoi dipinti talvolta sottilmente inquietanti, altre semplicemente mostruosi per composizione ed aspetto sono largamente conosciuti nel mondo dell’arte pura, mentre gli estimatori delle illustrazioni fantasy e fantascientifiche preferiscono il più delle volte approfondire autori come H. R. Giger, Boris Vallejo e Frank Frazetta, vicini per scelta alle opere moderne del cinema e della letteratura. Nonostante le vicende tragiche della sua vita personale, questo artista viene descritto come un individuo gentile, aperto e non privo di un certo umorismo; egli affermava che i suoi lavori fossero spesso fraintesi, avendo in realtà un intento satirico, provocatorio e persino ottimista. Di certo ha saputo offrire uno sguardo singolare e di alto livello pittorico sul suo immaginario criptico e fantasioso.

Leggi ancora

In questo video New York diventa una città deserta

Siamo abituati a vedere la famosa metropoli americana come scenografia rovinata dei grandi film post-apocalittici ma ad abitarla c’è sempre qualcuno – persino nel caso del Pianeta delle Scimmie.  I sopravvissuti futuribili, tenaci ed impavidi, occupano le rovine dei loro antenati coltivando l’insalata dove un tempo sorgevano grattacieli e centri commerciali. Città che invece continuano ad esistere senza i loro costruttori, perfettamente integre ed immutate, non le avevamo mai viste.

Leggi ancora